Gruppo ciclo-podistico

Associazione PADRE ANTONINO MAGNANI

home

chi siamo

contatti

 links

GRUPPO CICLO-PODISTICO
della Pace, dell'Amicizia e della Solidarietà

Dopo aver percorso in lungo ed in largo tutto il territorio Italiano, portando a termine le seguenti staffette podistiche no-stop (24 ore su 24), sotto l’egida della Società Canottieri “Vittorino da Feltre” di Piacenza, e precisamente:

·        La “PIACENZA – ROMA” del 1986 di 640 km.

·        Il “I° GIRO PODISTICO D’ITALIA” del 1987 di 2.240 km.                     GUARDA LE FOTO!

·        Il “II° GIRO PODISTICO D’ITALIA” del 1988 di 2.340 km.

·        La “ PIAN DEL RE – RIMINI” del 1989 di 730 km

dal 1991 il Gruppo dei Podisti (dal 1998 divenuto ciclo-podistico), dapprima sempre affiliato alla “Vittorino da Feltre” (fino al 1997) e in seguito all’Associazione Ricreativa Borgotrebbia ha compiuto le sotto riportate “imprese” in nome della Pace, dell’Amicizia e della Solidarietà.

Nel ricordare che fino al 1994 le manifestazioni si sono svolte con la formula no-stop, dal 1995, per ragioni di sicurezza stradale (soprattutto per quanto riguarda la corsa degli atleti nelle ore notturne) è stata prevista la sosta notturna.

Tutte le imprese, dal 1986 ad oggi, sono state portate a termine da atleti podisti, che hanno corso con la formula della staffetta (dal 1998 da podisti e ciclisti), grazie alla collaborazione di assistenti (autisti, massaggiatore, medico, cameraman, fotografo) i quali, a  bordo di campers, hanno seguito la corsa nel suo evolversi.

Per adesioni al gruppo podistico, scrivere a antoma.pc@libero.it oppure telefonare al numero 0523 490989.

ELENCO DELLE STAFFETTE INTERNAZIONALI della Pace, dell’Amicizia e della Solidarietà.

2006

ALASKA – YUKON. Staffetta ciclo-podistica di km 2.900 – dall’8 al 20 giugno. GUARDA LE TAPPE

2005

La “ADELAIDE – CAIRNS” di 5.032 km. Gli incontri con le Autorità Australiane e con le comunità Italo-Australiane di Adelaide, di Port Augusta, di Broken Hill, di Canberra, di Vollongong, di Sydney e di Brisbane hanno esaltato questo splendido viaggio suggellando degnamente l’epilogo della quindicesima staffetta ciclo-podistica della Pace, dell’Amicizia e della Solidarietà.

2004

“COAST TO COAST SAN FRANCISCONEW YORK. Un omaggio a Ground Zero di 5.870 km. L’omaggio floreale a ricordo delle vittime 11 settembre 2001 e l’incontro con le comunità Italiane d’America, hanno coronato un’impresa sportiva dai grandi contenuti umani.

2003

Il “TOUR DEL SUD AFRICA/CITTA’ DEL CAPO – JOHANNESBURG” di 4.185 km. Gli incontri con la popolazione sudafricana e, soprattutto, con gli immigrati d’origine Emiliana-Romagnola hanno rappresentato particolari momenti d’alta intensità emotiva nelle città di Port Elisabeth, di East London, di Durban e di Johannesburg.

2002

Il “GIRO CICLO-PODISTICO D’ITALIA” di 3.685 km. Una manifestazione che ha toccato tutte le Regioni d’Italia, isole comprese (Sardegna e Sicilia). Significativi sono stati gli incontri con le Autorità locali di San Felice sul Panaro, di Noto, di Potenza, di Vieste e di Rimini.

2001

La “VANCOUVER – MONTREAL” di 4.855 km. Un grande, significativo momento ha rappresentato la serie di incontri avvenuti con le comunità Italiane, ed in particolare con quelle Emiliane-Romagnole, a Vancouver, a Winnipeg, a Toronto, ad Ottawa ed a Montreal.

2000

La “SANTIAGO DE COMPOSTELA – SAN GIOVANNI ROTONDO”  di 3.340 km. Il Grande Giubileo di fine secolo è stato il motivo dominante che ci ha spinto a ripercorrere le più famose vie di pellegrinaggio quali IL CAMMINO DI SANTIAGO e la VIA FRANCIGENA ed ad incontrare il Santo Padre il 31 Maggio 2000.

1999

La “DARVIN – SYDNEY” di km. 5.555. La motivazione di tale iniziativa. Oltre a preannunciare le olimpiadi del 2000, era quella di abbracciare le Comunità Italiane (in particolare le Emiliane-Romagnole) incontrate lungo l’intero itinerario.

1998

 La “PIACENZA – PLASENCIA”  di km. 3.625. Facendo visita a Lourdes, a Santiago de Compostela ed a Fatima, con la staffetta siamo arrivati a Plasencia, in Estremadura (Spagna), dove siamo stati accolti con grande affetto dalle Autorità locali e dalla cittadinanza.

1997

La “PIACENZA – PARIGI – LONDRA” e ritorno attraverso la “Via Francigena” di km. 3.250. Oltre al significato particolare che riveste il tratto della Via Francigena percorsa da Canterbury a Piacenza, di rilievo sono stati gli incontri a Parigi ed a Londra con i rappresentanti delle rispettive Comunità Piacentine.

1995

 La “KIEV – PIACENZA”, attraverso i LAGER nazisti”, di 3.350 km. In occasione del 50° anniversario della fine della seconda guerra mondiale. Abbiamo organizzato questa manifestazione partendo da Kiev, volendo ricordare la via del rientro in Patria dei nostri Reduci dalla Campagna di Russia e onorando le vittime dell’olocausto, soprattutto quelle Italiane, nei campi di sterminio di Aushwitz, di Sachsenhausen, di Bergen-Belsen, di Buchenwald, di Mauthausen e di Dachau. Presso ciascun “Lager” abbiamo vissuto commoventi cerimonie commemorative unitamente alle autorità locali ed i Consoli o ambasciatori Italiani. Rilevante, è stata la cerimonia concretizzatasi presso il “Campo” di Maithausen, alla presenza dell’allora Sindaco di Piacenza Prof. Vaciago.

1993

“EUROPA SENZA CONFINI” di 3.300 km. Organizzata per celebrare l’abbattimento delle barriere doganali, durante il tragitto, soprattutto al confine tra la Germania e l’Olanda ed a Parigi, abbiamo incontrato le Autorità locali che hanno espresso significativi apprezzamenti sulla nostra iniziativa.

1992

La “LOS ANGELES – CAIRNS” di 5.185 km. All’arrivo a Cairns la “Vostra Associazione” ha organizzato manifestazioni di grande e commovente rilievo (la Polizia di Cairns allertata per l’occasione dall’indimenticato Paul Draghi e la cena presso il ristorante di Frank Forlini), sfociate in un  incontro con le Autorità newyorkesi presso il Comune della città.

1991

 “PIACENZA – MOSCA” di 2.900 km. Nell’occasione le Autorità moscovite ci hanno riservato un’accoglienza di gran rilievo, sfociata in una cena all’Hotel Praha ed in un incontro presso il “Fondo della Pace”, presieduto da Anatolj Karpov.